Comune di Pisa

Rete civica pisana

Consiglio Cittadino

Logo Consiglio Cittadino

Logo Consiglio Cittadino

Il Consiglio Cittadino per le Pari Opportunità è un organo consultivo del Consiglio Comunale, e come tale può esprimere pareri ed elaborare proposte che possono poi essere recepite in materia di pari opportunità.
 
Del Consiglio fanno parte le consigliere comunali, le assessore e le consigliere di circoscrizione che ne fanno richiesta, rappresentanti delegate dai partiti, dai sindacati e da altre associazioni di categoria.   Ma la caratteristica davvero speciale del consiglio è quella di raccogliere anche donne delegate da associazioni che operano nel territorio sui temi più vari: salute, lavoro e formazione, sociale, cultura, sport, arte, ambiente.  A questa varietà di rappresentanza del tessuto sociale e del mondo politico, che è declinata anche per fasce di età, si associa una grande ricchezza e spessore di competenze, esperienze e professionalità. Questi numeri e questa composizione fanno del Consiglio Cittadino PPOO un laboratorio di idee unico nel suo genere, che può contare su  una rete capillare già’ naturalmente costituita, potenzialmente in grado di fare da interfaccia fra i bisogni delle cittadine/cittadini e le risposte dell’Amministrazione e del Consiglio comunale: un’opportunità molto importante per la Città e i suoi organi di governo.

 
Grazie alla sua composizione, il Consiglio Cittadino PPOO ha tutte le potenzialità per diventare un luogo nel quale sperimentare un modo differente di lavorare e fare politica che recuperi la specificità femminile (pur con tutte le sue contraddizioni), ovvero motivato da spirito di servizio e di cura del bene essere comune, fondato sulla combinazione di professionalità, esperienze e relazioni, sulla capacità di conciliare autonomia e lavoro in rete, e sull’attitudine a tramandare e condividere i saperi fra generazioni diverse. Tempi e modi spesso differenti da quelli correnti, che vanno valorizzati e in certe occasioni protetti. Non sempre questo è’ possibile, ma deve rimanere la direzione verso la quale muoversi, anche in continuita’ con l’esperienza del Consiglio precedente.

Ultima modifica: 24/06/2017 10:54