Comune di Pisa

Anagrafica e Storia

Gea S.r.l. - in liquidazione

Breve storia della società

La Gea S.r.l. – in liquidazione nasce come Consorzio il 15.06.1995 per trasformarsi in società per azioni con il nome di Gea Servizi per l’Ambiente S.p.A. in data 27.06.1996 con l’obiettivo della gestione unitaria dei servizi relativi al ciclo potabile, alla depurazione e rete fognaria, al ciclo dello smaltimento dei rifiuti nonché di altri servizi di primaria importanza per i Comuni di Pisa, Cascina, San Giuliano, Calci, Vecchiano e Vicopisano.

Il Comune di Pisa ha ratificato la trasformazione dell’allora Consorzio con Delibera C.C. n. 17 del 17.02.1998.

La Società nel tempo ha ceduto le sue principali attività:

  • In data 15.10.2001 trasferisce il ramo di attività afferente il ciclo dei rifiuti alla Geofor S.p.A. mediante un’operazione di scissione parziale proporzionale.
  • Nel dicembre 2001 trasferisce l’usufrutto dell’impianto di incenerimento di Ospedaletto (PI) alla Geofor S.p.A., mantenendone la nuda proprietà, mediante un’ulteriore scissione parziale proporzionale.
  • In data 31.12.2002 conferisce il ramo di impresa afferente il Servizio Idrico Integrato alla Acque S.p.A. in cambio di pacchetto azionario del nuovo gestore.
  • Con atto Rep. 45504, Racc n. 10766 del 18.12.2006, rogato a Pisa dal Notaio Enrico Barone, viene trasferita la nuda proprietà dell’impianto di incenerimento dei rifiuti solidi urbani, ubicato in Ospedaletto (PI) alla costituenda Gea Patrimonio S.r.l., al fine della realizzazione di una società interamente pubblica che detenga gli impianti afferenti i rifiuti urbani.
  • In data 16.07.2010, con atto Rep. n. 48971, Racc. n. 13379, ai rogiti nel notaio Enrico Barone di Pisa, sono trasferiti impianti afferenti il ciclo dell’acqua alla costituenda Gea Reti S.r.l. al fine di realizzare una società proprietaria degli impianti del Servizio Idrico Integrato.

Una volta trasferiti i rami di impresa afferenti i rifiuti e ed il servizio idrico integrato, la società è stata posta in liquidazione con assemblea straordinaria del 19.05.2011 (Verbale Rep. 49941, Racc. 14159, rogato in Pisa dal notaio Enrico Barone) che ha approvato lo scioglimento anticipato della Società.

Il Comune di Pisa aveva già precedentemente richiesto la dismissione della partecipazione in Gea Servizi per l’Ambiente S.p.A. con Delibera C.C. n. 80 del 22.12.2010, in quanto la Società è priva dei presupposti di cui all’art. 3, comma 27, della Legge 244/2007 per il mantenimento della partecipazione.

Ai fini della razionalizzazione del processo liquidazione di Gea Servizi per l’Ambiente S.p.A., Gea Reti S.r.l. e Valdarno S.r.l., con Delibera C.C. 27 del 21.07.2016 è approvato un piano secondo il quale, tra gli altri, è prevista la trasformazione della ragione sociale di Gea Servizi per l’Ambiente S.p.A. in Gea S.r.l., e successivamente la fusione per incorporazione di Gea Reti S.r.l. in Gea S.r.l.

Entrambe le procedure sono state effettuate. La trasformazione è avvenuta in data 07.11.2016 (atto Verbale Assemblea Straordinaria, Rep. 54387, Racc. 17704 rogato in Pisa dal notaio Enrico Barone) mentre la fusione ha effetto dal 01.03.2017 (atto del 23.12.2016, rogato in Pisa, Rep. 2157, notaio Francesca Acciaioli). 

 

Ultima modifica: 15/04/2020 08:35
DOWNLOAD