Comune di Pisa

Fuori Teatro al Giardino Scotto

Gli eventi di settembre

 dal 1 agosto 2020 al 20 settembre 2020

Riparte da martedì 4 settembre il programma del “Fuori Teatro”, cartellone di eventi culturali estivi al Giardino Scotto, voluto dal Comune di Pisa e organizzato dal Teatro Verdi. Il programma, dopo mese di agosto dedicato al cinema all’aperto, torna a proporre prosa e musica.

Il cartellone proposto si apre con “Il Talento delle donne”, serata in cui si raccontano le donne attraverso i testi delle canzoni. Le donne sono sempre al centro del palcoscenico con “Avventure di teatro e di caffè”, uno spettacolo di musica e teatro messo in scena da due artiste ben note sul nostro territorio, con all’attivo un ricco bagaglio di attività e anche di formazione di giovani. Il calendario vede poi un omaggio alla tradizione e alla cultura ebraica in occasione del capodanno e della tradizionale “Giornata europea della cultura ebraica”. “Una volta c’era una volta” e “Immaginazione” sono due spettacoli dedicati ai più giovani. Seguono tre serate di musica con due gruppi a rotazione e una serata dedicata ai giovani artisti pisani. E’ proposto quindi un classico: la Brigata dei dottori con lo Zibardone pisano. Quello di “Caporali coraggiosi” è lo spettacolo di musica del gruppo vincitore della rassegna Marenia 2019. Ancora donne protagoniste in “Conversazioni tra amiche”. Per concludere l’estate “Viandanti all’inferno” e “La signorina Else” e un grande classico: “Disfida in vernacolo Pisa-Livorno”.

Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 21.00. Per ogni spettacolo saranno disponibili al massimo 200 posti. I biglietti, nominali e distanziati secondo le normative di distanziamento per l’emergenza Covid-19, non si potranno acquistare direttamente sul luogo ma andranno acquistati in prevendita nel circuito Vivaticket.com, fino all’orario di inizio degli spettacoli.

 Ecco nel dettaglio il programma:

 4 settembre

“Il talento delle donne” di Marco Masoni e Fabrizio Bartelloni. Il talento femminile nella musica italiana declinato in varie forme, dall'interprete alla cantautrice alla divulgatrice di tradizione all'innovatrice.

 5 settembre

“Avventure Di Teatro E Di Caffè” di e con Cristina Lazzari, Arianna Lorenzi, Francesco Marchetti. Storie aneddoti avventure di teatro e di caffè, storie chiare e storie scure, cose molli e cose dure. Così prende il via l’avventura di teatro e di caffè, che potrebbe essere definito un recital, ma non è proprio così. È uno strano ibrido tra un concerto, teatro-narrazione, e un'occasione di riflessione comune. I protagonisti sono le poesia, la musica, "le parole dette o ancor da dire". Dopo aver vissuto un evento che ci ha destabilizzato, ha scosso profondamente le fondamenta del nostro vivere comune, l’idea è stato quello di proporre un viaggio a tratti divertente e divertito, malinconico, stupito che prende a prestito le parole di grandi autori come, Szymbroska, Shakesperare ma anche Petrolini, Flaiano e molti altri, attraverso un'eco infinito che si rincorre nel tempo, fino ad arrivare a noi, alle nostre di parole.

 8 settembre

Una Volta C'era Una Volta”, con Silvia Lazzeri, Silvia Romani e Carlo Scorrano. Dal Piemonte alla Sicilia, dalla Toscana alla Puglia, da Roma a Venezia, da Milano a Napoli: in tutta la penisola, da bocca a bocca, da generazione a generazione, fiabe, favole e racconti. Con principi e principesse, briganti e signori, maghi e pastori, animali magici e nobili bizzarri e tanti altri ancora tra personaggi, oggetti magici e animali parlanti. Le fiabe della tradizione popolare sono state da sempre nostre compagne, per dormire, per crescere e per scoprire il mondo. Questo spettacolo vuole riportare alla luce alcune di queste storie tradizionali. Il filo conduttore è un dottore, il Dottor Pitré, buffo e convinto, pensa che le paure possano essere superate con le fiabe, tre paure faranno da leva a lui e ai suoi personaggi per guidarci con gioco e interazione dentro le storie tradizionali di tre regioni diverse.

A seguire alle ore 22 “Immaginazione”, con Marco Di Stefano e Tanya Khabarova.

 9 settembre

“Pisa Plays — Cubirossi, Candreva” con Cubirossi e Candreva. I Cubirossi sono una band pisana nata nel maggio del 2016, composta da Marina Giusti, cantante (19 anni), Gianluca Leoncini, chitarrista (21 anni) e Alessandro Leoncini, batterista (19 anni). La band, composta dai due fratelli Leoncini, instaura subito un feeling immediato, che li porta in poco tempo a calcare grandi palchi e a partecipare a vari ed importanti Contest.

Nell’anno 2020 la band intraprende nuovi ed importanti cambiamenti, infatti la bassista, presente nel progetto dall’anno 2016, decide di abbandonare, e la band rinnova completamente il suo stile e la sua formazione. Attualmente stanno lavorando all’uscita del loro primo album di inediti. Il loro genere è caratterizzato da un armonioso mix di musica Pop-Rock/Alternative Rock e Musica Elettronica. Candreva sono nati nel 2017 e sin dall’inizio svolgono una intensa attività live in giro per l’italia, tra cui il Lumiere di Pisa, la Limonaia di Fucecchio, il BEAT festival di Empoli e il Woodsound festival a Lago Sirino (PT).

 10 settembre

“Pisa Play — Janelas, Aliante” con Janelas e Aliante

 11 settembre

“Pisa Plays — Fangoraro, The Strange Flowers” con Fangoraro, The Strange Flowers. Fangoraro è un progetto musicale che nasce nel 2015 dall'incontro fra musicisti di varia provenienza (principalmente blues e rock) e Angelique, attrice di teatro. Il progetto vede come principale caratteristica la contaminazione reciproca dei due mondi artistici della musica e del teatro. Le atmosfere e le sonorità diventano maggiormente insinuanti nel momento in cui parti recitate, parlate o enfaticamente interpretate irrompono nella canzone. I testi, risultato della collaborazione fra Lorenzo Ughi (compositore e chitarrista) e Angelique, sono scritti in italiano, fatta eccezione per alcuni momenti in cui viene sperimentato l'uso di altre lingue, come l'inglese e il francese. The Strange Flowers sono un gruppo di pop e rock psichedelico costituito a Pisa nel 1987 da Michele Marinò (chitarra e voce), Giovanni Bruno (chitarra solista), Alessandro Pardini (basso), Maurizio Falciani (batteria). L'attuale line-up comprende, oltre a Marinò, Bruno e Pardini, Valerio Bartolini alla batteria.

 12 settembre

“I ragazzi magici di Pisa”, serata dedicata alle giovani eccellenze artistiche delle scuole pisane

 13 settembre

“Lo Zibardone Pisano”, di Giancarlo Peluso con La Brigata Dei Dottori.

 15 settembre

“Caporali Coraggiosi (Duo Tour)”. Dopo il grande successo di Marenia 2019 , i Caporali Coraggiosi tornano a Pisa per chiudere la Stagione del Teatro Verdi di Pisa nella bellissima cornice del Giardino Scotto.  Causa delle restrizioni Covid, lo spettacolo si chiamerà Duo Tour e vedrà sul palco i due solisti Marco Forconi e Valerio Simonelli accompagnati dalla vocalist Valentina Caturelli, già vista a TheVoice su RAI1 e Tali e Quali su RAI2 , cantando un brano di Alexia, che ha poi incontrato in diretta TV e la Vocalist Samantha Montorzi. Lo spettacolo originale dei "Caporali" conta un cast di 20 persone ed è studiato per platee di migliaia di persone, quindi tutti i concerti sono saltati a causa del Covid, ma abbiamo deciso di fare una data a Pisa per chiudere l'estate 2020, per salutarci e rivederci con il nostro grande spettacolo l'estate prossima.

 16 settembre

“Conversazioni tra amiche”, di Cristina Sarti. In questo spettacolo 12 dive, 12 donne, 12 muse, un fascio di dodici rose rosse che hanno lasciato un segno indelebile nel panorama artistico nazionale e internazionale. Queste donne di indiscutibile fascino si raccontano in tutta la loro umanità, non solo come personaggi pubblici visti attraverso l’occhio del coinvolgimento mediatico, ma in tutte le loro sfaccettature femminili, attraverso le loro fragilità, le passioni travolgenti, contraddizioni, i loro amori sbagliati e il romanticismo che le ha attraversate. Il coraggio, lo sconfinato amore per i figli, tutte le loro incertezze e insicurezze e la loro ostinata e folle sete di vita e di amore, sempre con il grande fascino che le ha contraddistinte e ha reso di loro delle intramontabili stelle. Cristina Sarti, attrice, regista e autrice di questo spettacolo sarà l’interprete di queste affascinanti figure femminili, accompagnata alla chitarra dalle note delicate e raffinate della voce e le corde del maestro Meme Lucarelli, che interpreterà le musiche più appassionanti del repertorio italiano e non, trasportando lo spettatore nel tessuto di vita del contesto storico e dell’anima delle nostre protagoniste. Intrecciandosi tra loro la parola recitata e la musica si alternano e si fondono in un dialogo a due voci per ripercorrere la strada dell’animo di queste donne che respirano arte e vita quotidiana in una sinergia reciproca, srotolando tutti i loro colori lungo una tormentata “vien en rose” che le ha consacrate come muse irraggiungibili in ogni tempo.

 17 settembre

“Viandanti All'Inferno”, di Paolo Cioni con PesoPiuma.

 18 settembre

“La signorina Else”, con Martina Benedetti. “Nei singoli uomini non si è verificata la benché minima trasformazione, non è accaduto altro se non che diverse inibizioni sono state spazzate via e che ogni specie di mascalzonate e furfanterie possono essere commesse oggi con un rischio relativamente minore, in ogni senso sia morale che materiale, di quanto non accadeva in passato. Inoltre si parla un po’ più di cibo e di denaro.” Così Arthur Schnitzler descriveva, nel 1924, la sua epoca, difendendo “Signorina Else” dalle critiche di coloro che la consideravano un’opera appartenente a un mondo “finito e sorpassato”. In realtà, la vicenda della giovane donna, ospite della zia nel Grand Hotel di San Martino di Castrozza, che per salvare il padre dalla rovina economica deve mostrarsi nuda a un vecchio conoscente, è quanto mai sintomatica della lotta della dignità umana contro il potere del denaro. Else è una giovane viennese di buona famiglia borghese; il padre ha il vizio del gioco e rischia spesso l’arresto. Il laido signor von Dorsday, amico del padre di Else, accetta di salvarlo dai debiti e di spedire il denaro a condizione che Else gli si mostri totalmente nuda. Attraverso il monologo interiore della ragazza – messa di fronte alla necessità di prostituirsi per salvare suo padre dal suicidio e la sua famiglia dallo scandalo e la bancarotta – Schnitzler critica impietosamente la società viennese dell’epoca: la famiglia, la condizione femminile, la frivolezza e la superficialità della borghesia viennese.

Sabato 19 settembre

“Marco Martinelli. Un Viaggio tra scienza e musica”. Un viaggio tra Scienza e Musica un concerto/talk show sospeso tra musica e scienza con protagonista Marco Martinelli, cantante e scienziato che si divide tra il palcoscenico ed i laboratori della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. L’evento condotto da Gian Luca Bonetta con la direzione artistica di Valeria Iaquinto vede Martinelli portare sul palco le canzoni che ha prodotto negli ultimi anni con Suoni Dall’Italia, l’etichetta discografica di Mariella Nava, e le ricerche scientifiche che porta avanti alla Scuola Superiore Sant’Anna. Dalla biofortificazione con lo iodio, agli OGM fino al libro in uscita sulla cannabis, lo spettacolo consiste in un viaggio che unisce in modo leggero, divertente ma sempre ineccepibile divulgazione e canzone. Non mancheranno gli ospiti: nello show sono previsti quattro ospiti musicali, quattro giovanissime promesse della musica italiana che arrivano dalla stessa accademia di musica che Marco ha frequentato “Il Pentagramma”: Alice Cignogni, Anna Stelli, Aurora Barghini e Giulia Cannata, preparate per l’evento dalla preparatissima professoressa Cinzia Tenducci.

Domenica 20 settembre

“Disfida in Vernacolo (Pisa - Livorno)”. Una nuova, decisiva e appassionante disfida in vernacolo tra Pisa e Livorno. L’evento, organizzato dal Crocchio Goliardi Spensierati, costituisce l’ultimo appuntamento della rassegna Fuori Teatro. Molti ricorderanno il successo e la risonanza suscitati dalle precedenti edizioni di questa “Disfida”; oggi si rinnova questa strepitosa e poco convenzionale “sfida tra campanili” a colpi di risate, stornelli, poesie e cultura popolare. Nelle passate edizioni si sono battuti, per le città di Pisa e di Livorno, autentici “mostri sacri” del teatro vernacolo e della poesia locale; questa volta scenderanno in lizza, per Pisa: Lorenzo Gremigni, Fabiano Cambule e Franco Montagnani, con la partecipazione musicale di Franco Bonsignori alla fisarmonica; per Livorno: Aldo Corsi, Alessio Nencioni e Franco Bocci. Sarà Marco Masoni a presentare questo confronto senza precedenti tra alcuni dei più affermati attori ed autori dell’ambito popolare e vernacolo di Pisa e di Livorno; il risultato rimarrà quello, garantito, di una genuina serata di autentico buonumore. La giuria sarà composta da personalità delle istituzioni, da sapienti del vernacolo e da giornalisti; i giurati saranno chiamati ad esprimere, insieme allo stesso pubblico, la propria preferenza all’uno o all’altro contendente, i quali si confronteranno con scintille di arguta ironia in un clima di goliardico sfottò”.

 Ulteriori info su spettacoli e prevendite online: https://www.teatrodipisa.pi.it/fuori-teatro#

Ultima modifica: 18/09/2020 13:59