Comune di Pisa

Rete civica pisana

Carenze idriche (Acquedotto/acqua potabile)

SETTORETUTELA DELL'ACQUA             

acquedotto2_205_01 

                

                                                 

SERVIZIOCARENZE IDRICHE (ACQUEDOTTO - FONTANELLE CITTADINE ) ACQUA POTABILE
 

 

 

COSAIl servizio prevede la limitazione/sospensione dei consumi di acqua potabile in caso di carenze idriche.
COME

Il Sindaco del Comune di Pisa emette una Ordinanza di igiene sanitaria, con la quale invita tutti i cittadini a limitare i consumi idrici e vieta il consumo di acqua potabile per usi diversi da quello domestico e igienico.

DOVEIl servizio riguarda tutto il territorio del Comune di Pisa.
QUANDOIl servizio e' attivo tutto l'anno.
QUANTO

Ogni infrazione ai divieti ed alle prescrizioni contenute nell'Ordinanza del Sindaco, sara' punita con sanzione pecuniaria che va da un minimo di euro 25 ad un massimo di euro 500 (ai sensi dell'art n. 7 bis del DLGS 267/2000.

 

 
PERCHE'

DLGS 267/2000 - Testo unico delle leggi sugli ordinamenti degli enti locali.
DLGS 152/2006 - Norme in materia ambientale e s.m.i..
LR 20/2006 - Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento e s.m.i..
Regolamento Regione Toscana n.29 del 26 maggio 2008 - Disposizioni per la riduzione e l'ottimizzazione dei consumi di acqua erogata a terzi dal gestore del servizio idrico integrato.

 

 
INOLTREL'Ordinanza del Sindaco per limitare i consumi idrici vieta l'impiego di acqua potabile per le seguenti attivita':
  • lavaggio cortili e piazzali
  • lavaggio domestico veicoli a motore
  • innaffiamento giardini, prati ed orti
  • riempimento vasche da giardino, fontane ornamentali, anche se dotate di impianto di ricircolo dell'acqua
  • ogni altro uso diverso da quello domestico
Le indicazioni di Acque SpA per non sprecare l'acqua: sul sito www.acque.net e' stata creata una sezione speciale con notizie, informazioni, utilita' e materiali come il decalogo per il risparmio idrico, 10 semplici suggerimenti per usare "bene" l'acqua e per ridurre i consumi domestici. E poi ancora ulteriori materiali cartacei, video e social networking dai profili facebook e Twitter 
 
Ultima modifica: 29/10/2018 12:14