Comune di Pisa

Palazzo Gambacorti: un piano per l'abbattimento delle barriere architettoniche

Il costo del progetto ammonta a 50 mila euro

Durante una apposita riunione della Commissione Politiche Sociali, è stato presentato dall'assessore ai lavori pubblici, Raffaele Latrofa, un progetto per eliminare le barriere architettoniche dal Palazzo Comunale. “Questo progetto – ha detto l’assessore Latrofa – si propone l’obbiettivo di rendere accessibile il Palazzo Comunale a tutti i cittadini con particolare attenzione soprattutto per quegli spazi del Palazzo Comunale adibiti alle riunioni aperte alla cittadinanza. Il palazzo comunale, che è composto da tre palazzi uno limitrofo all'altro (Palazzo Gambacorti, Palazzo della Dogana e Palazzo Mosca) vede alcuni piani già accessibili mentre altri lo sono solo parzialmente o non lo sono per niente. Questo lavoro ha dunque una doppia valenza. Una simbolica, che è quella legata all'apertura a tutti della casa di tutti cioè l'apertura del palazzo comunale a tutti i cittadini pisani, l'altra è quella dell'abbattimento delle barriere architettoniche”.

Con questo progetto s’interviene in particolare per rendere accessibile la Sala “Biasci”, cioè la sala adibita alle riunioni delle Commissioni del Consiglio Comunale e dei gruppi consiliari (verranno tolti tutti gli scalini), l’accesso alla Sala Stampa e, infine, il piano ammezzato dove si trovano l’ufficio gare e l’ufficio personale. Per questi ultimi due interventi sono previsti due montascale. Nelle prossime settimane s'inizierà con i lavori presso la Sala “Biasci”.  Alcune rampe, come quella di accesso dalla portineria, sono già state realizzate. Il costo ammonta ad oltre 50 mila euro.

Ultima modifica: 22/02/2021 11:20