Comune di Pisa

Rete civica pisana

Inaugurata la mostra sul Futurismo a Palazzo Blu

Sindaco: «Un appuntamento autunnale diventato tradizionale che genera un flusso di turismo culturale che è linfa vitale per il tessuto cittadino»

Balla Giacomo - Forme grido viva l'Italia

Balla Giacomo - Forme grido viva l'Italia

Dall’11 ottobre al 9 febbraio 2020, Palazzo Blu ospita la mostra intitolata “Futurismo”, organizzata da Fondazione Palazzo Blu insieme con MondoMostre e curata da Ada Masoero. La mostra ha il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Pisa. Attraverso più di cento opere dei maestri del futurismo (in grande maggioranza, dipinti museali o d’importanti collezioni private, oltre ad alcuni disegni, progetti e oggetti d’arte), la rassegna si propone, per la prima volta, di provare come i più grandi fra gli artisti futuristi seppero rimanere fedeli alle riflessioni teoriche enunciate nei manifesti, traducendole in immagini dirompenti, innovative e straordinariamente felici sul piano artistico.

Durante la conferenza stampa di presentazione della mostra, il Sindaco Conti ha affermato che si tratta di «Un altro evento di prestigio che, come nelle edizioni degli anni precedenti, sono sicuro attirerà appassionati d’arte e visitatori da tutta Italia grazie alla fama che la Fondazione Palazzo Blu si è conquistata sul campo. Un appuntamento autunnale ormai diventato tradizionale che genera un flusso di turismo culturale che è linfa vitale per il tessuto cittadino».

Il percorso è aperto dagli esordi divisionisti comuni ai cinque “futuri futuristi”: Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo, Giacomo Balla, Gino Severini. Scandita in sezioni intitolate ognuna a un manifesto, la mostra attraversa poi trent’anni di arte futurista, muovendo dal 1910, quando uscirono i due manifesti pittorici firmati dai giovani “padri fondatori”. Di Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo, Giacomo Balla, Gino Severini sono esposti numerosi capolavori ispirati con evidenza a quei due testi. Immediatamente dopo, si esplorano le emozionanti trascrizioni visuali del Manifesto della scultura futurista, 1912, steso dal solo Boccioni dopo il viaggio a Parigi di quell’anno. Entrano poi in gioco le “parole in libertà”, i cui principi furono formulati per la prima volta da F.T. Marinetti nel 1913, nel manifesto L’immaginazione senza fili e le parole in libertà, e i nuovi modelli architettonici, dettati nel 1914 da Antonio Sant’Elia nel testo L’architettura futurista, illustrato da sue opere magnifiche (e “profetiche”), seguite dalle opere “belliche” a sostegno dell’interventismo futurista nella Grande guerra (manifesto Sintesi futurista della guerra, 1914). Con Ricostruzione futurista dell’universo, 1915, di Giacomo Balla e Fortunato Depero, si assiste alla nuova volontà dei due artisti di diffondere i modelli formali del futurismo sull’intera esperienza umana, in una spinta d’innovazione ignota alle altre avanguardie europee. A illustrarla, sono dipinti, sculture, oggetti, bozzetti, giocattoli realizzati dai due autori. Entra poi in scena L’arte meccanica, 1922, documento firmato da Enrico Prampolini, Vinicio Paladini, Ivo Pannaggi, che connotò con i suoi modelli geometrici e “industriali” l’arte visiva dell’intero decennio, mentre il congedo è affidato al Manifesto dell’Aeropittura, 1931, firmato da Marinetti con Balla, Benedetta (Cappa Marinetti), Depero, Dottori, Fillia, Prampolini, Somenzi, Tato, che per tutti gli anni ’30 ispirò opere suggestive e spettacolari, qui esposte al piano superiore.

L'evento della mostra "Futurismo"

GALLERIA FOTOGRAFICA

Ultima modifica: 11/10/2019 13:13