Comune di Pisa

Rete civica pisana

Anima Mundi

XIX Rassegna Internazionale di Musica Sacra

 dal 7 settembre 2019 al 20 settembre 2019

Dal 4 settembre sarà possibile prenotare i biglietti della XIX edizione di Anima Mundi, rassegna Internazionale di Musica Sacra, organizzata dall’Opera della Primaziale Pisana con il contributo della Fondazione Pisa e del Comune di Pisa, in programma a Pisa dal 7 al 20 settembre. L’ingresso ai concerti è gratuito ma è necessario un biglietto che può essere prenotato esclusivamente online sul sito www.vivaticket.it a partire dal 4 settembre alle ore 10.00 per tutti i concerti in programma e fino a esaurimento dei posti disponibili. Non è possibile effettuare prenotazioni telefoniche né per email. La prenotazione online termina in ogni caso alle ore 18:00 del giorno del concerto. L’accesso alla biglietteria online prevede una registrazione e con lo stesso nominativo possono essere prenotati fino a un massimo di due ingressi per ogni concerto. I voucher così ottenuti possono essere convertiti con il regolare biglietto di ingresso solamente il giorno stesso del concerto scelto presso la biglietteria Anima Mundi, dalle ore 10.00 alle ore 19.30, orario continuato. A partire dalle ore 19:30 di ogni giorno di concerto i biglietti non ritirati vengono rimessi in distribuzione per il concerto della serata solo presso la biglietteria Anima Mundi. I monumenti non hanno un settore riservato alle persone con disabilità e i biglietti sono gratuiti per tutti. Solamente le persone a mobilità ridotta e in carrozzina che desiderano partecipare ai concerti sono pregate di inviare con qualche giorno di anticipo un email a animamundi@opapisa.it affinché sia possibile garantire loro uno spazio adeguato, nell’osservanza delle norme di sicurezza.

A Daniel Harding spetta il concerto inaugurale, il 7 settembre in Cattedrale, con la magnifica Orchestra della Radio Svedese, di cui è direttore musicale, che stavolta arriva a Pisa insieme con il Coro espresso dal medesimo ente, riconosciuto universalmente fra i migliori del mondo. Degno di direttore e complessi così illustri anche il programma: Un Requiem tedesco di Johannes Brahms, monumento della spiritualità romantica, che impegnerà due voci importanti come il soprano Hanna Husáhr e il baritono Mark Stone.
Tutt’altro mondo il 9 settembre in Camposanto: Kristian Bezuidenhout, nome di primo piano nelle esecuzioni con strumenti d’epoca, propone un viaggio nel cuore dello stile classico suonando su un fortepiano antico e prezioso musiche di Wolfgang Amadeus Mozart e Joseph Haydn, proseguendo così l’impegno a ritrovare le radici del pianoforte moderno avviato da Anima Mundi già nelle scorse edizioni.  Ancora musica antica, ma in Cattedrale, il 12 settembre: un direttore e un complesso gloriosi, Trevor Pinnock e The English Concert, per accompagnare Jakub Jozef Orlinski, controtenore giovanissimo ma già affermato nel mondo come un autentico fenomeno nel campo della vocalità barocca, in pagine di Händel e Vivaldi. Nuovamente in Cattedrale il 14 settembre per l’appuntamento nale con le prospettive moderne della musica sacra: il coro Costanzo Porta e l’Orchestra Cremona Antiqua, diretti da Antonio Greco, presenteranno la prima esecuzione assoluta del lavoro vincitore della XII edizione del Concorso Internazionale di Composizione Sacra Anima Mundi. Quest’anno il premio è andato a Gabriele Caselli (Pisa, 1980) che ha musicato l’inno Ubi càritas et amor. Nello stesso programma Claudio Monteverdi e Salomone Rossi. Musica strumentale in Camposanto, con l’omaggio a Johann Sebastian Bach celebrato il 16 settembre da una concertista fra le più acclamate di oggi, Isabelle Faust, che eseguirà la serie monumentale delle Sonate e partite per violino solo. Si tratta di un concerto in due tempi con biglietto unico. Il 18 settembre in Camposanto Il Rossignolo, ensemble italiano non meno estroso che autorevole, diretto da Ottaviano Tenerani propone una ricognizione della favolosa musica da intrattenimento settecentesca di Georg Philipp Telemannn, Musica sull’acqua e Musica da tavola I, intervallati dalla Trio Sonata BWV 527 di Johann Sebastian Bach. Simmetricamente all’inaugurazione, anche la chiusura è in grande stile, il 20 settembre in Cattedrale, con lo Stabat Mater, capolavoro sacro di Rossini. Lo affronteranno quattro solisti celebri, Sabina von Walther soprano, Aurora Faggioli mezzosoprano, Davide Giusti tenore e Simón Orfila basso, diretti da un altro protagonista fra i più ammirati del movimento di riscoperta di esecuzioni storicamente consapevoli, l’inglese Robert King, qui alla testa del Coro del Teatro Municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati, che aprirà un programma tutto italiano con l’Ave Maria e le Laudi alla Vergine dai Pezzi sacri di Verdi, e dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Il pubblico di Anima Mundi avrà la possibilità di sostenere, attraverso libere offerte, alcuni progetti di solidarietà e assistenza sul territorio. L’iniziativa è promossa dall’Arcidiocesi di Pisa-Caritas Diocesana.    BIGLIETTERIA E INFORMAZIONIc/o Museo delle Sinopie, Piazza Duomo Pisatel +39050835029 (funziona solo dal 4 al 20 settembre)animamundi@opapisa.it www.opapisa.itaperto dal 4 al 20 settembre lu-sa 10:00-18:00dalle 10:00 alle 20:30 nei giorni di concerto (alle 21:00 il 14 e il 16 settembre)

Ultima modifica: 02/09/2019 11:33