Comune di Pisa

Rete civica pisana

Multa di Duemila euro a guida turistica abusiva in piazza Duomo

Assessore Pesciatini: «Dobbiamo assicurare rispetto della legalità a tutela dei turisti e di chi fa questa professione con competenza»

Una sanzione di Duemila euro per esercizio abusivo di professione e una serie di controlli sulle guide e accompagnatori turistici presenti nello scorso fine settimana in piazza dei Miracoli. È l’esito dei controlli che la Polizia Municipale ha intensificato per il rispetto della normativa sulle guide turistiche e per contrastare il fenomeno dell’abusivismo.

In piazza del Duomo, infatti, gli agenti hanno sanzionato una cittadina straniera che svolgeva attività di guida turistica nei confronti di una comitiva coreana, accompagnando a visitare i monumenti e fornendo descrizioni storiche e artistiche. Di fronte alla richiesta da parte degli agenti di fornire le autorizzazioni per l’attività in corso la signora non ha saputo mostrare nessun titolo idoneo per l’attività previsto dalla legge e pertanto è scattata la sanzione.

«La nostra è una città d’arte e cultura a forte vocazione turistica - commenta l’assessore al turismo Paolo Pesciatini - e nostro compito è anche tutelare la corretta trasmissione della conoscenza in merito alla sua millenaria e straordinaria storia. Occorre assicurare che i milioni di turisti che visitano Pisa possano rivolgersi a professionisti autorizzati, competenti e aggiornati a svolgere un compito così importante, come lo sono le nostre guide locali. Ringrazio la Polizia Municipale per avere pianificato e attuato questo tipo di controlli che assicura il rispetto della legalità a garanzia, in primo luogo, dei turisti e di chi lavora in questo delicato settore determinante per il trasferimento del sapere e della nostra cultura. Per questo invitiamo le guide turistiche regolari a continuare nella collaborazione e possibilmente segnalarci casi di esercizio abusivo della professione».

Le professioni di guida turistica e di accompagnatore sono disciplinate dalla legge regionale (n. 86/2016) e da una legge nazionale che ratifica quella europea. Per tutti vi è l’obbligo della esposizione ben in vista del cartellino di riconoscimento.

Ultima modifica: 12/08/2019 15:07