Comune di Pisa

Rete civica pisana

Quattro itinerari accessibili a tutti. Ecco il Progetto "Itaca"

Sabato 23 visite guidate per disabili per il Capodanno Pisano

 23 marzo 2019

La rampa di accesso al Santa Maria della Spina

La rampa di accesso al Santa Maria della Spina

Il 23 marzo è in programma una intera giornata dedicata al Il Progetto Itaca (acronimo che sta per: Itinerari Turistici ACcessibili e Aperti), di cui è capofila la Società della Salute della Zona Pisana. La giornata, inseerita nel programma del Capodanno Pisano 2020 s.p. prevede visite guidate a 4 itinerari di grande interesse turistico nei quartieri storici di Pisa (Sant’Antonio, Santa Maria, San Francesco, San Martino) per verificare le caratteristiche di effettiva accessibilità, insieme ai rappresentanti delle associazioni di disabilità e ai cittadini disabili che vorranno partecipare. Saranno presenti anche 2 interpreti LIS (Lingua Italiana dei Segni).

Le visite gratuite, guidate da AGT Pisa (Associazione Guide Turistiche), saranno organizzate per gruppi di massimo 20 partecipanti per ciascun itinerario.
Modalità di adesione e iscrizione sul sito della SdS pisana (www.sds.zonapisana.it) a partire dal 14/3.

Al termine delle visite guidate ci sarà la distribuzione di questionari ed una discussione per valutare criticità e suggerimenti in vista della fase finale del Progetto Itaca, che prevede una Webmapp, ovvero una piattaforma transfrontaliera di tutti i partner del Progetto Itaca: Regione Sardegna, Cooperativa Cellarius, Ufficio turistico di Ajaccio (Corsica), Confcommercio La Spezia, Radio Toscana.
Punti di interesse ed itinerari vengono inseriti da tutti i partner del progetto, così da avere un unico strumento di “turismo per tutti” nel territorio costiero compreso fra Toscana, Liguria, Sardegna e Corsica - comprese le linee di collegamento aeree, ferroviarie e marittime.

Il Progetto Itaca è stato finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020 - Programma transfrontaliero cofinanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) nell’ambito della Cooperazione Territoriale Europea (CTE) nell’ambito delle misure per accrescere la competitività delle PMI nel settore turistico. Ne è capofila la Società della Salute di Pisa, con i seguenti partner: Regione Sardegna, Cooperativa Cellarius, Ufficio turistico di Ajaccio (Corsica), Confcommercio La Spezia, Radio Toscana.

Si tratta di un partenariato pubblico e privato, impegnato a trovare soluzioni innovative in tema di piena accessibilità turistica per tutti nell’area transfrontaliera composta da Toscana, Liguria, Sardegna e Corsica, per dare una risposta concreta al superamento di tutte le barriere fisiche e culturali e aprire o rafforzare in questo modo nuove nicchie di mercato. Nel mese di maggio 2018 è stato pubblicato on line il sito www.itacaturismoaccessibile.it che contiene una mappa interattiva con gli itinerari turistici accessibile del Progetto I.TA.CA.

In più è disponibile una App denominata Itaca, che si può scaricare su iTtunes e Play Google. La Webmapp e la APP contengono al momento 100 punti di interesse della città di Pisa. In più ci sono 5 itinerari turistici: uno che attraversa la città di Pisa, dall’Aeroporto internazionale Galileo Galilei fino a Piazza del Duomo ed alla Torre pendente; e 4 itinerari dedicati ai quartieri storici della città: Sant’Antonio, Santa Maria, San Francesco, San Martino.

Tutti i punti di interesse sono stati censiti dalla associazione Handy Superabile, che si occupa da molti anni di turismo accessibile a tutti, verificando le condizioni di effettiva accessibilità di musei, monumenti, itinerari e strutture ricettive. La procedura seguita è stata quella di inviare un questionario – concordato fra tutti i partner del Progetto I.TA.CA - a tutti i soggetti interessati a far parte dell’itinerario e poi di effettuare un sopralluogo per la verifica diretta delle condizioni di accessibilità e scattare fotografie da allegare alle schede descrittive. In alcuni casi le schede hanno anche un Virtual Tour per rendere ancora più visibili le caratteristiche di accessibilità del punto di interesse. Tutte le strutture aderenti al Progetto Itaca (alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari, luoghi turistici) riceveranno un marchio turistico transfrontaliero di ospitalità accessibile con un preciso regolamento da sottoscrivere.

Ultima modifica: 14/03/2019 11:09