ART. 4.5 PROROGA DELLA CONCESSIONE EDILIZIA

Ove sussistano motivi indipendenti dalla volontà del concessionario che hanno impedito l’ultimazione dei lavori nei termini previsti nella Concessione Edilizia, tali termini possono essere prorogati su istanza del concessionario presentata almeno trenta giorni prima della scadenza della concessione, corredata da tutti gli elementi e documenti atti a comprovare i motivi per i quali si richiede la proroga.
Tali motivi sono di norma :

Non può essere considerato motivo indipendente dalla volontà del concessionario qualsiasi ritardo conseguente a provvedimenti di sospensione dei lavori o di sequestro disposti dall’Amministrazione Comunale o dall’Autorità Giudiziaria e riferiti ad interventi non autorizzati.
Il Dirigente del Servizio Programmazione e Gestione del Territorio e Tutela Ambientale, verificate motivazioni e congruità dei nuovi termini richiesti, in relazione a tali motivi, emette l’atto di Concessione totale o parziale ovvero di diniego della proroga.
Scaduto il termine per la presentazione dell’istanza di cui al primo comma del presente articolo, la richiesta di proroga non può essere accolta e, per la prosecuzione dei lavorio, deve essere inoltrata istanza di rinnovo della concessione.