Contestualizzazione


Pittore pisano, attivo nell'ultimo decennio del secolo XIII. Il nome di un 'Raynerius' del fu Ugolino da Pisa compare in un'iscrizione simulata su una croce dipinta giÓ nell'Ospedale di Santa Chiara e oggi nel Museo Nazionale di San Matteo; l'identificazione di questo personaggio con Ranieri, figlio del pittore Ugolino di Tedice e nipote di Enrico di Tedice, Ŕ confortata da una serie di documenti tra il 1287 e il 1310, da cui apprendiamo che, come il padre e lo zio, abitava e presumibilmente aveva anche bottega in via Santa Maria, nella parrocchia di San Iacopo degli Speronai; sappiamo inoltre che aveva una moglie di nome Tora e due figli, maschio e femmina, di nome Cilla e Peruccio: quest'ultimo continu˛ l'attivitÓ del padre e rilev˛ probabilmente la bottega.