Comune di Pisa

Rete civica pisana

I Rischi

RISCHIO ALLAGAMENTI (da "Io non Rischio Alluvione")

Cosa fare DURANTE l'allerta:

- Tieniti informato sulle criticità previste sul territorio e le misure adottate dal Comune

- Non dormire nei piani seminterrati ed evita di soggiornarvi

- Proteggi con paratie o sacchetti di sabbia i locali che si trovano al piano strada e chiudi le porte di cantine, seminterrati o garage solo se non ti esponi a pericoli

- Se ti devi spostare, valuta prima il percorso ed evita le zone allagabili

- Valuta bene se mettere al sicuro l'automobile o altri beni: può essere pericoloso

- Condividi quello che sai sull'allerta e sui comportamenti corretti

- Verifica che la scuola di tuo figlio sia informata dell'allerta in corso e sia pronta ad attivare il piamo di emergenza


Cosa fare DURANTE l'ALLUVIONE SE SEI IN UN LUOGO CHIUSO:

Non scendere in cantine, seminterrati o garage per mettere al sicuro i beni: rischi la vita

- Non uscire assolutamente per mettere al sicuro l'automobile

- Se ti trovi in un locale seminterrato o al piano terra, sali ai piani superiori. Evita l'ascensore: si può bloccare

- Aiuta gli anziani e le persone con disabilità che si trovano nell'edificio

- Chiudi il gas e disattiva l'impianto elettrico. Non toccare impianti e apparecchi elettrici con mani o piedi bagnati

- Non bere acqua dal rubinetto: potrebbe essere contaminata

- Limita l'uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi

- Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità

 

Cosa fare DURANTE l'ALLUVIONE SE SEI ALL'APERTO:

- Allontanati dalla zona allagata: per la velocità con cui scorre l'acqua, anche pochi centimentri potrebbero farti cadere

- Raggiungi rapidamente l'area vicina più elevata evitando di dirigerti verso pendii o scarpate artificiali che potrebbero franare

- Fai attenzione a dove cammini: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti ecc...

- Evita di utilizzare l'automobile. Anche pochi centimentri d'acqua potrebbero farti perdere il controllo del veicolo o causarne lo spegnimento: rischi di rimanere intrappolato

- Evita sottopassi, argini, ponti: sostare o transitare in questi luoghi può essere molto pericoloso

- Limita l'uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi

- Tieniti informato su come evolve la situazione e segui le indicazioni fornite dalle autorità

 

Cosa fare DOPO l'alluvione:

- Segui le indicazioni delle autorità prima di intraprendere qualsiasi azione, come rientrare in casa, spalare fango, svuotare acqua dalle cantine ecc...

- Non transitare lungo strade allagate: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti e cavi elettrici tranciati. Inoltre, l'acqua potrebbe essere inquinata da carburanti o altre sostanze

- Fai attenzione anche alle zone dove l'acqua si è ritirata: il fondo stradale potrebbe essere indebolito e cedere

- Verifica se puoi riattivare il gas e l'impianto elettrico. Se necessario, chiedi il parere di un tecnico

- Prima di utilizzare i sistemi di scarico, informati che le reti fognarie, le fosse biologiche e i pozzi non siano danneggiati

- Prima di bere l'acqua dal rubinetto assicurati che ordinanze o avvisi comunali non lo vietino; non mangiare cibi che siano venuti a contatto con l'acqua dell'alluvione: potrebbero essere contaminati 


RISCHIO SISMICO (Da "Io non Rischio Terremoto")

Cosa fare prima

Con il consiglio di un tecnico

A volte basta rinforzare i muri portanti o migliorare i collegamenti fra pareti e solai: per fare la scelta giusta, fatti consigliare da un tecnico esperto

Da solo, fin da subito

- Allontana mobili pesanti da letti o divani

- Fissa alle pareti scaffali, librerie e altri mobili alti; appendi quadri e specchi con ganci chiusi, che impediscano loro di staccarsi dalla parete

- Metti gli oggetti pesanti sui ripiani bassi delle scaffalature; su quelli alti, puoi fissare gli oggetti con del nastro biadesivo

- In cucina, utilizza un fermo per l’apertura degli sportelli dei mobili dove sono contenuti piatti e bicchieri, in modo che non si aprano durante la scossa

- Impara dove sono e come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e l’interruttore generale della luce

- Individua i punti sicuri dell’abitazione, dove ripararti in caso di terremoto: i vani delle porte, gli angoli delle pareti, sotto il tavolo o il letto

- Tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, e assicurati che ognuno sappia dove sono

- Elimina infine tutte le situazioni che, in caso di terremoto, possono rappresentare un pericolo per te o i tuoi familiari

 

Durante un terremoto

Se sei in un luogo chiuso

- Mettiti sotto una trave, nel vano di una porta o vicino a una parete portante
- Stai attento alle cose che cadendo potrebbero colpirti (intonaco, controsoffitti, vetri, mobili, oggetti ecc…)
- Fai attenzione all’uso delle scale: spesso sono poco resistenti e possono danneggiarsi. Meglio evitare l’ascensore: si può bloccare

Se sei in un luogo aperto

- Allontanati da edifici, alberi, lampioni, linee elettriche: potresti essere colpito da vasi, tegole e altri materiali che cadono

- Fai attenzione alle altre possibili conseguenze del terremoto: crollo di ponti, frane, perdite di gas ecc…

Dopo un terremoto

- Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te e, se necessario, presta i primi soccorsi
- Esci con prudenza, indossando le scarpe: in strada potresti ferirti con vetri rotti
- Limita, per quanto possibile, l’uso del telefono

- Limita l’uso dell’auto per evitare di intralciare il passaggio dei mezzi di soccorso

- Raggiungi le aree di attesa previste dal Piano di protezione civile

 

RISCHIO ARNO

Come comportarsi in caso di esondazione del Fiume Arno

- se risiedi al piano terra nella Fascia Rossa (con un’estensione variabile tra i 50 e i 100 metri dall’Arno) o non sei autosufficiente è obbligatoria l’evacuazione: in questo caso è possibile usufruire delle aree di attesa e di ricovero appositamente predisposte

- anche se non risiede al piano terreno della zona rossa potresti comunque rimanere isolato

- segnala al personale di soccorso la presenza di anziani o disabili nelle abitazioni da evacuare 

- porta con te i documenti personali ed i medicinali abituali

- prima di lasciare la tua abitazione chiudi il rubinetto generale della fornitura dell’acqua, del gas o eventuali bombole, l’interruttore generale dell’energia elettrica; chiudi nel modo migliore porte e finestre sigillando con tavole di legno o stracci eventuali prese d’aria poste al livello raggiungibile dalle acque

- tieni sempre in casa candele, torce elettriche, acqua potabile e cibo non deperibile pronto all’uso

- non utilizzare ascensori e montacarichi

- non usare il telefono fisso e il cellulare se non in caso di effettiva necessità per evitare sovraccarichi delle linee telefoniche

- se sei residente nelle vie adiacenti al fiume, porta la tua auto in una zona sicura come il litorale

 

RISCHIO NEVE

Di seguito si riportano alcuni consigli da seguire per affrontare la situazione di emergenza e contribuire alla normalizzazione della situazione di disagio causata dalla neve

- togli la neve dal tuo passo carrabile e/o dal tuo accesso privato, accumulandola ai lati senza però gettarla in strada perché si renderebbe vano il lavoro di pulizia effettuato dal Comune

- una volta tolta la neve provvedi a spargere il sale (cloruro di sodio acquistabile presso consorzi agrari e rivendite di prodotti chimici) al fine di evitare la formazione di ghiaccio (ricorda che con circa 1 Kg di sale è possibile trattare circa 20 metri quadrati di superficie)

- non gettare mai acqua su neve e ghiaccio

- utilizza i mezzi pubblici di trasporto perché così si facilitano le operazioni di pulizia delle strade

- non parcheggiare, se possibile, la tua auto su strade e aree pubbliche e soprattutto, parcheggia dove la sosta è consentita

- utilizza la tua auto solo in caso di assoluta necessità; si raccomanda di utilizzare auto dotate di catene da neve o di pneumatici da neve

- in auto modera la velocità e mantieni sempre la distanza di sicurezza

- evita, se possibile, l’utilizzo di mezzi a due ruote

- indossa scarpe adatte (con suola carrarmato in gomma) al fine di scongiurare cadute e scivolamenti

- non camminare nelle vicinanze di alberi e, durante la fase di disgelo, fai attenzione ai blocchi di neve che possono eventualmente staccarsi dai tetti

- percorri preferibilmente marciapiedi e strade già liberate dalla neve e dal ghiaccio

- mantieniti informato sull’emergenza consultando il sito internet del Comune di Pisa

- fai scorte alimentari per persone più anziane

- acquista pale per togliere la neve e fai scorte di sale acquistabile presso consorzi agrari e rivendite di prodotti chimici

- segnala eventuali criticità della viabilità e pericoli imminenti (alberi e elementi pericolanti su strada…)

 

RISCHIO INCENDI BOSCHIVI

Per evitare incendi accidentali:

- non gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi. Possono incendiare l’erba secca delle scarpate lungo strade, ferrovie, ecc…

- non accendere il fuoco nel bosco: è proibito e pericoloso. Usa solo le aree attrezzate. Non abbandonare mai il fuoco e prima di andare via accertati che sia completamente spento

- quando parcheggi l’auto accertati che la marmitta non sia a contatto con l’erba secca. La marmitta caldissima incendierebbe facilmente l’erba secca

In caso di incendio in corso:

- telefona subito al 1515 (Corpo Forestale dello Stato) o al 115 (Vigili del Fuoco) per dare l’allarme se avvisti fiamme o anche solo fumo. Non pensare che altri l’abbiano già fatto. Fornisci le indicazioni necessarie per localizzare l’incendio

- cerca una via di fuga sicura: una strada o un corso d’acqua. Non sostare in luoghi vero i quali soffia il vento perché puoi rimanere imprigionato tra le fiamme e non avere più una via di fuga

- non sostare lungo le strade. L’incendio non è uno spettacolo: intralceresti i soccorsi 

Ultima modifica: 04/02/2016 10:27