Home Rete Civica Pisana
Rete Civica Pisana

Pisa, lungarni ieri-oggi - realizzazione grafica ufficio rete civica

 WebMail   Eventi Web    Staff Web      Ricerca per Eventi della vita      Mappa del sito                 tasto informazioni  english  francais   deutsch   espanol 
>Aziende >
 

trasporto pubblico locale

CONVENZIONE TRAMITE SCRITTURA PRIVATA TRA LA PROVINCIA  DI PISA

ED IL COMUNE DI PISA

Registro n. ……………..      del …………….

OGGETTO: L.R. 08/07/2003 n. 33 art  6 – Ripartizione dei contributi relativi ai servizi aggiuntivi di T.P.L. tra gli enti locali del Bacino di Pisa.

Vista la L.R. 08/07/2003 n. 33  di modifica della L.R. 42/98 - “Norme per il trasporto pubblico locale”;

Visto il protocollo di “intesa sulle politiche di regolazione del trasporto pubblico locale”, siglato tra Regione Toscana, URPT, ANCI e le varie rappresentanze sindacali aziendali e associazioni di categoria.

PREMESSO che:

-         i servizi di trasporto pubblico locale (Urbani ed Extraurbani), per il quinquennio 2004 – 2008, saranno oggetto di affidamento tramite gara, con lotto unico;

-          la Provincia riveste un ruolo centrale in merito sia alla fase di affidamento che alla successiva gestione del contratto di servizio;

-         in data 20 gennaio 2003 è stato siglato un protocollo d’intesa con i Sindaci dei Comuni del Bacino di Pisa per garantire la copertura finanziaria dei servizi aggiuntivi per l’intera durata del contratto (2004 – 2008);

-         che il giorno 16  Giugno 2003 è stata siglata l’intesa, così come previsto al punto 2 dell’intesa sulle politiche di regolazione del trasporto pubblico locale, dai rappresentanti delle associazioni di categoria e dei sindacati locali in ordine ai seguenti argomenti:

·      rete dei servizi da mettere a gara;

·      risorse finanziarie certe per il periodo contrattuale;

·      risorse tecniche;

·      modalità di preparazione e svolgimento della gara;

·      modalità di gestione e controllo.

Vista la delibera di Giunta Provinciale n.    del         con la quale si prende atto:

-         del protocollo di intesa;

-         dell’intesa sulle politiche di regolamentazione del TPL con sindacati e Associazioni di categoria.

Si recepisce e si approva:

-         l’intesa al tavolo istituzionale tra gli enti locali “Accordo per la gestione dei processi di riforma del TPL”

CONSIDERATO che il comune di Pisa ha in corso il procedimento di formazione del Piano Particolareggiato del Trasporto Pubblico Urbano, quale piano attuativo del Piano Urbano del Traffico approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.4 del 24.01.2002 e che tale piano risponde ai seguenti indirizzi espressi dal consiglio stesso con OdG del RICHIAMATI gli indirizzi espressi da questo Consiglio comunale con ordine del giorno in data 12.12.2003 in ordine al Piano Particolareggiato del Trasporto Pubblico Urbano, secondo cui le coordinate generali attorno alle quali ridefinire la rete urbana del TPL sono:

• tre assi forti ad alta mobilità (sud-nord, est-ovest, sud-nord-ovest);

• linee più dirette, meno contorte, più affidabili e memorizzabili;

• punti riconoscibili di interscambio (tra varie linee) e di rendez-vous (tra due o tre
linee):

• massimo raccordo con i parcheggi scambiatori ( esistenti e previsti);

• politiche di mobility management per realizzare accordi (ticket-trasporto!,

agevolazioni tariffarie, pacchetti abbonamenti,ecc.), con le realtà economiche e
sociali affinché il personale utilizzi mezzi pubblici;

• attenzione a particolari situazioni ambientali (Via Mazzini, Via Cattaneo, ecc.);

• definizione di un quadro di servizi a livello sub-urbano;

• riorganizzazione del servizio con progressivo riassorbimento di Km per servizi
aggiuntivi;

• migliore integrazione/utilizzazione dei servizi extraurbani nel territorio comunale;

• sperimentazione del servizio serale - notturno a buona frequenza, con due linee
circolari, cosi come definito nell'accordo stipulato con CPT, DSU e Università;

• individuazione di mobilità non convenzionali di adeguamento di taluni servizi
aggiuntivi e/o a domanda debole

richiamando anche l’opportunità di effettuare razionalizzazioni e riorganizzazioni del servizio entro i termini di oscillazione previsti dalla Legge Regionale (+ o - 20%); la possibilità di definire un servizio di area territoriale pisana con il coinvolgimento, anche dal punto di vista finanziario, dei comuni interessati; la previsione di processi di ristrutturazione e razionalizzazione del servizio extraurbano; la contabilizzazione autonoma del servizio urbano, rispetto al complesso dei servizi messi a gara; un sistema di controlli, rispetto sia al contratto di servizio che alla carta dei servizi, relativamente alla quantità, qualità e regolarità del servizio;

CONSIDERATO altresì che il comune di Pisa intende mettere a gara un servizio di trasporto urbano, che proceda, entro la durata contrattuale, alla ristrutturazione della rete e del servizio, mantenendo  inizialmente la quantità di bus*km prodotti nel 2003 per servizi minimi ed aggiuntivi, comprensivi di quelli delle navette A ed E (per 41.825 bus*km totale), procedendo successivamente alle ristrutturazioni prevista dal piano particolareggiato sopra descritto, adottato dalla giunta comunale con deliberazione n…...   del 05.04.2004;

PRECISATO  in particolare:

·        che il piano particolareggiato suddetto contiene la proposta di trasformazione della linea extraurbana interprovinciale Pisa-Tirrenia-Livorno in linea urbana Pisa-Tirrenia- Calabrone mantenendo invariate le proporzioni tra finanziamento regionale (cosiddetti servizi minimi) e finanziamento locale (cosiddetti servizi aggiuntivi);

·        che tale trasformazione necessita dell’approvazione regionale

·        che pertanto tutto il presente quadro di impegni si deve intendere al netto delle variazioni conseguenti la trasformazione sopra descritta,

·        che tali variazioni rientrano nel margine di oscillazione contrattuale;

Tutto ciò premesso, si conviene e si stipula quanto segue:

L’anno 200….., il giorno ………….. del mese di ……………. In Pisa, nella sede provinciale in Pisa, Piazza Vittorio Emanuele

TRA

Il dirigente del Servizio Viabilità e Trasporti della Provincia di Pisa, Ing. Luca Della Santina nato a Pontedera, (PI) 06.05.1955, domiciliato per l’incarico nella sede di tale Ente, il quale interviene e stipula il presente atto non in proprio, ma esclusivamente in nome, per conto e nell’interesse della Provincia di Pisa, che rappresenta e che di seguito sarà denominata Provincia (codice fiscale 80000410508);

E

il Dirigente della Direzione Mobilità del Comune di Pisa, . Riccardo Ciuti nato a Pisa il 12.06.1947 residenza sede legale presso la casa comunale, in piazza XX settembre, 56100 Pisa, che interviene e stipula il presente atto non in proprio, ma esclusivamente in nome e per conto e interesse del Comune di Pisa (codice fiscale -partita I.V.A. 0341620508);

Art. 1

Premessa

Le premesse fanno parte integrante della presente convenzione in quanto contribuiscono a definire obiettivi e finalità del presente accordo.

Art. 2

Oggetto della convenzione

La presente convenzione ha lo scopo di delegare la Provincia di Pisa  quale stazione appaltante del servizio di trasporto pubblico urbano dal Comune di Pisa sulla scorta degli indirizzi forniti dal Comune medesimo; di definire le modalità del rapporto tra la Provincia di Pisa ed il Comune di Pisa in merito alla gestione del contratto afferente al servizio urbano nonché le modalità relative al conferimento alla stessa Provincia, delle risorse aggiuntive di propria competenza relative al servizio extraurbano 2004 – 2008, da assicurare e trasferire, almeno in quota parte, come specificato nel successivo articolo,

Art. 3

Finalità

Il Comune di Pisa, con la presente scrittura si impegna a garantire alla Provincia di Pisa l’importo annuo di Euro 313.445,45 oltre ad IVA 10% per un totale di € 344.789,99  di propria competenza relativamente alla ripartizione delle risorse aggiuntive necessarie per l’espletamento della gara del Trasporto pubblico extraurbano per il periodo 2004/2008  evidenziato nella tabella allegata all’Accordo di Programma sottoscritto in data 20/01/03; tale importo si intende aggiornato ogni anno della percentuale corrispondente al tasso di inflazione programmata. Per il 2004 tale percentuale è dell’1,3% e pertanto il corrispettivo per servizi aggiuntivi extraurbani di competenza del comune di Pisa è di € 317.520,24 oltre ad IVA 10% per un totale lordo di € 349.272,26.

            Per quanto attiene i servizi aggiuntivi urbani, l’Amministrazione Comunale di Pisa si impegna ad assicurare la copertura finanziaria per il quinquennio 2004-2008 di  € 6.369.200,42 (I.V.A. inclusa) così ripartita per gli anni di competenza:

anno 2004 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.344.709,30

anno 2005 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.093.172,70

anno 2006 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€   851.697,55

anno 2007 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€   677.835,45

anno 2008 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€   677.835,45

L’impegno totale per servizi aggiuntivi che il comune assume, al netto dell’incremento corrispondente al tasso di inflazione programmata risulta dunque di

anno 2004 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.689.499,29

anno 2005 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.437.962,69

anno 2006 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.196.487,54

anno 2007 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.022.625,45

anno 2008 (I.V.A. inclusa 10%) ………..€ 1.022.625,45

L’amministrazione comunale di Pisa inoltre, si impegna, a seguito dell’introitazione delle risorse economiche provenienti dalla Regione (Euro 4.494.278,38 annue inerenti ai servizi minimi urbani, al netto dell’incremento corrispondente al tasso di inflazione programmata) a liquidare le stesse (aggiungendo IVA 10% a proprio carico) unitamente alle spese per i servizi aggiuntivi urbani, comprensivi di IVA 10%, per un complessivo 2004/2008 di Euro 6.892.389,65, alle condizioni stabilite contrattualmente, direttamente l’Appaltatore del Servizio di Trasporto Pubblico, dietro presentazione di regolare e diretta fattura al Comune di Pisa da parte dell’Appaltatore stesso del Servizio in questione, secondo il seguente schema di ripartizione per gli anni di riferimento:

2004             Risorse Agg.ve Urbane  (I.V.A. inclusa 10%)               € 1.344.709,30

            I.V.A. 10% Trasferimenti Regionali Urbani                        €.   449.427,84

 

2005             Risorse Agg.ve Urbane  (I.V.A. inclusa 10%)               € 1.093.172,70

            I.V.A. 10% Trasferimenti Regionali Urbani                        €.   449.427,84

 

2006             Risorse Agg.ve Urbane  (I.V.A. inclusa 10%)                   851.697,55

            I.V.A. 10% Trasferimenti Regionali Urbani                        €.   449.427,84

 

2007             Risorse Agg.ve Urbane  (I.V.A. inclusa 10%)                  677.835,45

            I.V.A. 10% Trasferimenti Regionali Urbani                        €.  449.427,84

 

2008             Risorse Agg.ve Urbane  (I.V.A. inclusa 10%)                  677.835,45

            I.V.A. 10% Trasferimenti Regionali Urbani                        €.  449.427,84

                                                                                                            ===========

COMPLESSIVI  EURO   6.892.389,65

              

Altresì il Comune di Pisa si riserva la possibilità di liquidare direttamente l’appaltatore del servizio TPL, anche i servizi aggiuntivi extraurbani

Art. 4

Penali

Le parti convengono, ai sensi della Circolare 14.01.2003 n°. 1 del Ministero dell’economia e delle Finanze, che qualora si debba provvedere al trasferimento delle risorse per i servizi aggiuntivi extraurbani alla Provincia di Pisa, in casi di mancato trasferimento alla stessa della quota in questione afferente al servizio aggiuntivo entro giorni 30 dalla scadenza fissata nel contratto, il Comune di Pisa corrisponderà gli interessi nella misura legale;

Art. 5

Adeguamento ISTAT

Il Comune di Pisa si impegna, corrispondentemente alle determinazioni che verranno emanate e agli impegni economici reciproci assunti dall’Amministrazione Provinciale e Regionale, ad integrare gli importi da corrispondere all’affidatario del servizio di TPL in relazione all’adeguamento inflativo per l’intero periodo d’appalto applicando il tasso di inflazione programmata;

Art. 6

Esercizio delle funzioni in forma associata

La Provincia di Pisa, e il Comune di Pisa ai sensi dell’Art. 22 Legge Regionale n. 33/03, individuano la forma associata di esercizio delle funzioni amministrative e dei servizi in riferimento alla stipula congiunta e gestione del contratto e relativa gestione, significativamente, per la programmazione, il controllo, la vigilanza e il monitoraggio dei servizi di trasporto e politiche tariffarie. Il Comune dovrà esercitare un controllo nel proprio ambito territoriale, dello svolgimento del servizio di TPL urbano al fine di verificare la coerenza con il contratto di servizio, dandone sollecito riscontro alla Provincia.

Gli enti sopra richiamati si impegnano a costituire l’Ufficio comune e gli atti di gara dovranno prevedere la diretta relazione tra l’Affidatario dell’appalto ed il Comune di cui 1° comma del presente articolo, nonché l’applicazione di sanzioni, la relativa fatturazione e liquidazione dei corrispettivi per i servizi prestati;

Art. 7

Termini

La presente convenzione, di durata quinquennale, avrà decorrenza  dal 01/01/04   al 31/12/08

Art. 8

Spese

Tutte le spese contrattuali inerenti e conseguenti al presente atto saranno a carico della Provincia.

Le parti confermano e approvano il presente atto, dei cui contenuti dichiarano di aver preso conoscenza e, quindi, lo sottoscrivono

 

 

 

Provincia di Pisa ………………….          Comune di Pisa ……………………                                                                      

 

TOP

Ufficio Aziende ed Esternalizzazioni Se vuoi puoi inviare un messaggio - Responsabile del sito e-mail webmaster
Palazzo Gambacorti. Piano Terzo


23/09/2008