Home Rete Civica Pisana
Rete Civica Pisana

Pisa, lungarni ieri-oggi - realizzazione grafica ufficio rete civica

 WebMail   Eventi Web    Staff Web      Ricerca per Eventi della vita      Mappa del sito                 tasto informazioni  english  francais   deutsch   espanol 
Aziende ed estenalizzazioni>uffici preposti > conv.pisamo rim.bici

RIMOZIONE BICI  

Rep.n. 54429                                                                                  Fasc.n. 71

CONTRATTO DI SERVIZIO RIMOZIONE BICI

REPUBBLICA ITALIANA

L'anno DUEMILAQUATTRO (2004) e questo dì 2 (due) del mese di luglio in Pisa, nella Sede Municipale, avanti a me Dr.ssa Angela NOBILE Segretario Generale del Comune di Pisa e, come tale, autorizzata a rogare gli atti nella forma pubblico-amministrativa ai sensi dell'Art. 97 comma 4 lett.c) del  D.Lgs 18 agosto 2000 n.267, sono comparsi e si sono personalmente costituiti:

- Arch.Riccardo Ciuti, nato a Pisa il 12 giugno 1947, domiciliato per la carica in Pisa, che interviene a questo atto non in proprio ma nella sua esclusiva qualità di Dirigente della Direzione Mobilità del Comune di Pisa (codice fiscale 00341620508), per il quale agisce e si impegna ai sensi dell'art. 107, 3° comma del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e dell’art. 7 del Regolamento dei contratti ed in ordine alla delibera GM n.77 del 28 giugno 2004, immediatamente esecutiva, giacente in atti d’ufficio;

- Dr.Alberto Paolicchi, nato a San Giuliano Terme il 16 aprile 1941, domciliato per la carica ove appresso, il quale mi dichiara di intervenire al presente atto non in proprio ma in rappresentanza della società “PISAMO Azienda per la Mobilità s.p.a.” (più avanti in breve denominat “Società” o “Pisamo”) con sede in Pisa, via Battisti, n.71, codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese 01707050504, nella sua qualità di amministratore unico della medesima società, avente i poteri per questo come il medesimo mi dichiara.

I comparenti della cui identità io Segretario Generale sono certo, rinunziando di comune accordo tra loro e con il mio consenso all’assistenza dei testimoni, mi richiedono di ricevere il presente atto pubblico dal quale risulti quanto segue:

Premesso che:

- il Comune di Pisa, con delibera di Consiglio Comunale n. 43 del 25.05.2004, ha stabilito di provvedere alla erogazione dei servizi relativi alla gestione della sosta ed altri servizi connessi con la mobilità urbana per mezzo di società a capitale misto pubblico privato costituita ai sensi dell’art. 113, comma 5, lett. b), del d.lgs. 267/2000, così come modificato dall’art. 35 della l. 448/2001, nonché dall’art. 14 del d.l. 269/2003, convertito con modificazioni nella l. 326/2003 ed infine dall’art. 4, comma 234, della l. 350/2003.

- a tal fine il Comune di Pisa, con la medesima deliberazione del Consiglio Comunale sopra indicata, ha approvato la costituzione della società  “PISAMO – Azienda per la Mobilità” s.p.a., successivamente costituita con atto ai miei rogiti rep. n. 54416/58 in data 4.06.2004 tra il medesimo Comune di Pisa, che ne detiene una partecipazione pari al 75% del suo capitale sociale, e la Compagnia Pisana Trasporti (C.P.T) s.p.a., che ne detiene una partecipazione pari al 25%.

- C.P.T. s.p.a. è la società a prevalente capitale pubblico partecipata in via maggioritaria dal Comune di Pisa e da altri enti locali della provincia che gestisce, per conto dei Comuni soci, il servizio di trasporto pubblico locale ed altri servizi accessori egualmente connessi con la mobilità urbana;

- il Comune di Pisa, con la precitata deliberazione di Consiglio Comunale, in ottemperanza a quanto prescritto dall’art. 113 d.lgs. 267/2000, ha altresì stabilito di voler procedere, entro il 31.12.2006, alla scelta di un partner privato da selezionarsi mediante procedura di gara ad evidenza pubblica, ferma restando la necessità di provvedere all’immediato affidamento alla società della titolarità del servizio, non appena espletate le incombenze relative alla sua costituzione.

- la Società intende assumere la gestione, sulla base di uno specifico contratto di affitto di ramo d’azienda da stipularsi con C.P.T., di due parcheggi pubblici di proprietà della medesima C.P.T. posti in Pisa, rispettivamente in via C. Battisti ed in via C. Cammeo, oltre al parcheggio sito in Pisa, via Matteotti, prospiciente il Palazzo dei Congressi, gestito dalla CPT ed insistente su area affidata alla medesima CPT in concessione da parte del Ministero dell’Interno, i quali tutti sono da ritenersi complementari – nell’ambito della pianificazione urbana della sosta – con i servizi oggetto del presente affidamento.

- il Comune di Pisa ha stabilito di voler procedere all’affidamento dei singoli servizi alla PISAMO mediante autonomi  e distinti contratti per ognuno dei servizi affidati, in modo da assicurare, per ognuno di essi, una autonoma valutazione dei costi e dei risultati della gestione.

- tra i servizi oggetto di affidamento vi è anche quello relativo  alla rimozione, custodia e restituzione ovvero rottamazione delle biciclette parcheggiate fuori dagli spazi consentiti.

- pertanto, sulla base di quanto sopra esposto, il Comune di Pisa intende regolare i rapporti con la Società attraverso il  presente Contratto di Servizio.

Tutto ciò premesso,

SI CONVIENE E STIPULA QUANTO SEGUE

Art. 1) Oggetto del contratto e svolgimento dei servizi.

Il Comune di  Pisa  affida alla Società la titolarità e lo svolgimento dei seguenti servizi:

Rimozione biciclette: il servizio verrà svolto con cadenza di norma quindicinale, previo posizionamento di idonea segnaletica mobile di avviso al pubblico da parte del Comando di Polizia Municipale almeno 48 ore prima del giorno di rimozione.  Tale avviso conterrà anche i riferimenti necessari e sufficienti per il ritiro dei mezzi rimossi, da parte dei proprietari.

Deposito biciclette rimosse: le biciclette saranno immagazzinate in apposito locale, previa registrazione di ogni bicicletta in ingresso su apposito registro con annotazione delle sue principali caratteristiche (tipo, marca, colore, condizioni di conservazione). La numerazione progressiva sarà effettuata anche su di un tagliando da apporre alla bici in deposito.

Ritiro biciclette rimosse: i proprietari potranno ritirare le bici rimosse entro il termine massimo di sei mesi dalla rimozione, presentandosi negli orari prestabiliti presso il deposito muniti di un documento di identità e della chiave della chiusura della bicicletta, fornendo anche preliminarmente indicazioni sulle caratteristiche del mezzo, atte ad identificarlo. Il personale di custodia provvederà a verificare la rispondenza della chiave alla serratura della bicicletta interessata, annoterà sul registro i dati del soggetto richiedente e procederà alla  consegna della bici previa riscossione  dell’importo  di  12,50 euro  oltre  IVA (a titolo di servizio di  rimozione e deposito)  rilasciando apposita ricevuta fiscale.

Rottamazione/cessione biciclette non ritirate: nel caso di mancato ritiro nel termine di sei mesi, le biciclette sono acquisite alla proprietà del Comune. Esse potranno essere cedute a terzi da parte della Società, a prezzi da concordare con la Direzione Mobilità, trattenendosi il 50% del guadagno delle vendite (al netto di eventuali spese di riparazione), a titolo di compenso per il servizio  di  rimozione  e deposito. Le biciclette non vendute a terzi ancorché di proprietà del Comune  saranno rottamate a  cura e spese della  Società.

La quota del ricavato di spettanza comunale verrà utilizzata per l’acquisto, la posa in opera e la manutenzione da parte di PISAMO di rastrelliere per bici e segnaletica stradale, secondo programmi di durata semestrale, da definire di concerto con la Direzione Mobilità del Comune. Dette rastrelliere e segnaletica rimarranno di proprietà del Comune di Pisa.

La Società provvederà inoltre:

- a tenere i locali adibiti al deposito chiusi a chiave;

- a non permettere l’accesso a detti locali a persone non autorizzate;

- a tenere il registro nell’ufficio aggiornato e consultabile in ogni momento da parte del personale del comune;

- a stipulare una polizza assicurativa a copertura del rischio di furto delle biciclette in deposito.

La gestione dei servizi sopra individuati non comporterà alcun onere per l’Amministrazione comunale.

Le regole sopra indicate, gli standard e gli obiettivi di qualità del servizio ed i rapporti con gli utenti saranno meglio dettagliati in un apposito Regolamento ed una Carta dei Servizi approvati dal  Comune, che la Società si obbliga a rispettare e che costituiranno le Condizioni Generali di contratto per la generalità dei destinatari a norma dell’art. 1679 c.c. e delle altre norme vigenti in materia.

Art.  2)  Durata del contratto.

Il presente contratto ha efficacia a decorrere dal 1 luglio 2004 ed avrà durata sino al 31 dicembre 2006.

Art. 3)  Responsabilità della Società.

La Società è responsabile del buon funzionamento dei servizi secondo le disposizioni del presente contratto.

La Società assicura il rispetto delle vigenti norme tecniche, di sicurezza, i regolamenti statali e comunali vigenti.

La Società si obbliga inoltre ad assicurare il rispetto delle norme di carattere previdenziale ed assistenziale in favore dei lavoratori addetti alla gestione dei servizi, al rispetto ed all’applicazione dei contratti collettivi di categoria e di ogni altra norma posta a tutela della salute, della sicurezza e dei diritti dei lavoratori.

La Società terrà indenne il Comune nonché il personale dipendente di tale ente da ogni e qualsiasi responsabilità connessa con i servizi ad essa affidati. 

Art. 5) Interruzioni e sospensioni del servizio.

La Società non risponde delle eventuali interruzioni dei servizi affidati, allorché  siano dovuti a caso fortuito o a forza maggiore.

Al di fuori di queste ipotesi, qualsiasi interruzione e sospensione programmate dei servizi, strettamente e rigorosamente connesse ad esigenze di carattere tecnico ed organizzativo della società e/o comunque derivanti dalle modalità tecniche di svolgimento dei servizi medesimi, dovranno essere previamente comunicate ai competenti uffici del Comune preposti all’esercizio del controllo e dovranno essere altresì rese note agli utenti con le modalità stabilite dalla Carta dei Servizi e dai Regolamenti di utenza.

Art. 6) Vigilanza  e controllo del Comune.

Il Comune controlla  il servizio direttamente ovvero tramite organismi di controllo appositamente designati.

Il Comune, o il soggetto a ciò delegato, opera una verifica annuale nella quale sono presi in esame:

- l’andamento dei costi operativi totali;

- il raggiungimento e il mantenimento degli obiettivi previsti di livello del servizio così come indicati nel Regolamento di utenza e dalla Carta dei Servizi;

- la valutazione degli utenti desunta dalle attività di indagine svolte dalla Società e dall’analisi dei reclami registrati.

Il Comune, al fine di assicurare che il servizio venga svolto nel rispetto del presente Contratto, del Regolamento di utenza  e della Carta dei servizi, e che il prezzo riscosso dagli utenti corrisponda alle tariffe prestabilite, può effettuare in qualsiasi momento visite ed ispezioni nei locali della Società che si obbliga a consentirle, nonché nei luoghi in cui vengano svolti il servizio e qualunque attività connessa.

In occasione delle ispezioni di cui sopra possono essere effettuate operazioni conoscitive di carattere tecnico, compresa l’assunzione di copie documentali, ferme restando le limitazioni previste dalla legislazione vigente.

La Società si obbliga a prestare al Comune ogni collaborazione nell’espletamento delle attività oggetto del presente contratto.

Art. 7) Comunicazione dati di servizio

La Società si impegna a comunicare al Comune nei successivi quindici giorni dalla data di approvazione del proprio bilancio annuale, i dati tipici della gestione dei servizi affidati, con riferimento a:

- il conto economico;

- le componenti di costo di ogni servizio e di ogni singola fase in cui si articolano i servizi;

- il costo del personale, dei materiali, degli affidamenti a terzi, del controllo di qualità dei servizi;

- una relazione annuale nella quale siano descritti e documentati l’andamento della gestione, gli scostamenti rispetto al piano e le relative motivazioni.

La Società si impegna inoltre a comunicare al Comune, entro il mese di ottobre di ogni anno, il budget elaborato in relazione al futuro esercizio finanziario.

La Società si impegna infine a comunicare al Comune trimestralmente i seguenti dati:

- numero di biciclette rimosse;

- numero di biciclette ritirate dai proprietari;

- numero di biciclette vendute;

- ricavato delle vendite;

- rapporto tecnico ed economico relativo all’acquisto ed alla installazione di rastrelliere e segnaletica per bici.

Art. 8) Imposte, tasse ed altri oneri.

Tutte le imposte, tasse, diritti, canoni, di qualsiasi origine e natura, ed ogni altro onere fiscale stabiliti dallo Stato, dalla Regione o dal Comune sono a carico della Società.

Art. 9)  Spese contrattuali.

Tutte le spese del presente atto e sue consequenziali, presenti e future, sono a completo carico della Società.

Art. 10) Subaffidamento ed appalto di opere e di servizi.

La Società può subaffidare ed appaltare a terzi parte dei servizi oggetto del presente contratto così come la realizzazione delle opere necessarie al loro svolgimento nel rispetto delle disposizioni nazionali e comunitarie in materia di appalti pubblici di lavori, servizi e forniture.

Art. 11) Continuità nella gestione del servizio dopo la scadenza.

Il Comune avrà la facoltà di prorogare per un massimo di sei mesi il contratto dopo la scadenza senza che da ciò derivi alcun diritto a indennità aggiuntive da parte della Società, che dovrà garantire la continuità dei servizi.

Art. 12) Inadempimenti.

Eventuali disservizi saranno prontamente comunicati, anche via fax o mediante posta elettronica, dal Comune alla Società.

Questa dovrà provvedere all’eliminazione dei disservizi nel termine indicato dal Comune o – in difetto di indicazione – entro le successive 48 ore.

Il Comune potrà dichiarare la risoluzione del contratto prima dello scadere del termine di durata in caso di interruzione del servizio dovuta a dolo o colpa della Società, di ripetute e gravi deficienze e/o inadempienze di quanto disposto con il presente contratto, così come in caso di fallimento della Società o di sottoposizione della stessa ad altra procedura concorsuale.

Prima di dichiarare la risoluzione, il Comune notificherà alla Società apposita diffida, stabilendo un termine entro il quale rimuovere le irregolarità e le inadempienze. Ove la Società rimuova nel termine stabilito le irregolarità o le inadempienze, la risoluzione non avrà luogo.

Perdurando l’inadempienza oltre tale termine, il Comune potrà dichiarare la risoluzione del contratto.

E’ fatta salva ogni azione per il risarcimento dei danni derivanti al Comune a causa degli inadempimenti tutti sopra considerati.

Art. 14) Domicilio e comunicazioni.

Per ogni comunicazione attinente l’esecuzione del presente contratto e comunque connessa con l’affidamento dei servizi che ne costituisce oggetto, il domicilio della Società coincide con la sua sede legale.

La Società avrà l’onere di comunicare al Comune ogni variazione di detta sede. In mancanza le comunicazioni si intendono regolarmente fatte alla sede legale della Società risultante al momento della stipula del presente atto.

Art. 15) Foro competente.

Ogni e qualsiasi controversia tra la Società ed il Comune comunque derivanti dalla interpretazione o esecuzione del presente contratto ed anche per quanto non espressamente contemplato, ma afferente comunque allo svolgimento dei servizi affidati con il presente atto, è devoluta al giudice ordinario e sarà competente in via esclusiva il Foro di Pisa.

E richiesto io Segretario Generale, ho ricevuto il presente atto scritto in parte a mano da persona di mia fiducia e in parte con mezzi meccanici su nove pagine complete e porzione della presente, e che previa lettura datane alle parti, che lo hanno riconosciuto in tutto conforme alla loro volontà, è stato dalle stesse firmato a margine e sottoscritto, unitamente agli allegati a norma di legge, con me Segretario Generale Comunale rogante, come appresso:

 

TOP

Ufficio Aziende ed Esternalizzazioni Se vuoi puoi inviare un messaggio - Responsabile del sito e-mail webmaster
Palazzo Gambacorti. Piano Terzo


23/09/2008